La Chiesa di San Niccolò Vescovo

Postato il Aggiornato il

crocifisso
Il crocifisso ligneo

La Chiesa di San Niccolò Vescovo, Basilica minore dal 1997, risale alla prima metà del 1600. Essa sorge sui resti di una chiesetta dedicata a San Pietro, edificata nel 1210 dai sovrani, che in Sicilia avevano la Legazia Apostolica.

Nel 1646 l’assetto originario dell’edificio con un presbiterio di rito greco fu ampliato. Nello stesso anno venne cambiato ortogonalmente il suo orientamento e la pianta fu suddivisa in tre navate, delimitate da due file monolitiche in calcare con i capitelli in stile corinzio, sostenenti archi a tutto sesto.

L'interno della basilica minore
L’interno della basilica minore

Tra l 1665 e il 1673 per volere dell’arciprete Leonardo Saccone, fu eretto l’imponente campanile, che ben si armonizza con l’insieme d’elementi funzionali e decorativi, che arricchiscono il prospetto anteriore. Da notare è la stilizzazione dei portali in pietra da taglio e l’ingresso principale, datato 1661.

Oggi la chiesa di San Niccolò o chiesa Madre custodisce numerose opere d’arte, tra cui:

  • La Statua di San Nicola in Trono di Giacomo Gagini (1587), con le formelle del basamento che narrano la vita e i miracoli del Santo
  • Il ciborio della cappella del Santissimo Sacramento, anch’esso di scuola Gaginiana
  • Il Cristus Patiens, crocifisso ligneo del 1500 attribuito a Giovanello de li Matinati
  • L’originale reliquia con la pedata del Beato Fra Bartolomeo da Montalbano
  • L’altare maggiore in legno dorato con la Coena Domini di Ponce de Leon del 1720 e il Retablo con la Tela dell’Assunzione del 1670
  • Le statue dei Santi Pietro e Paolo sempre del 1670
  • La statua dell’Immacolata del XVI secolo e quella si Sant’Antonio del 1532.

nonché una collezione di parati sacri dal XVI al XIX secolo (vesti liturgiche con tessuti serici eseguiti a telaio ed abiti con ricami dei maestri messinesi e palermitani) attualmente in mostra a San Michele e numerosi atti storici e notarili, che testimoniano le vicende della comunità locale.

Francesca Bisbano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...